Come sistemare e organizzare gli strofinacci da cucina

Il cassetto degli strofinacci è un luogo incontrollabile. Spesso diventa il posto dove buttare a caso, insieme agli strofinacci, mestoli, cucchiai di legno, formine e chi più ne ha più ne metta.

Quante volte vi sarà capitato di voler tirare fuori un panno da cucina e di far cadere sul pavimento qualcosa che non ricordavate nemmeno più di avere?

Non deve per forza andare così: il cassetto degli strofinacci può essere ordinato e funzionale. Basta solo qualche attenzione preventiva per metterlo a posto definitivamente.

Fare pulizia

La prima cosa da fare è svuotarlo, dare una bella pulita per togliere eventuali briciole e liberarsi di quello che non si usa.

Importante è anche dedicare il cassetto solo ed esclusivamente agli strofinacci e trovare alle altre cose un posto apposito.

Procedete anche con un decluttering tra i panni da cucina: gettate quelli vecchi e quelli che non utilizzate mai perché non asciugano come vorreste. Conservare è inutile se sapete che non li utilizzerete.

Vediamo adesso dei metodi per disporre gli strofinacci nel cassetto.

Dividere in pile

Comunemente gli strofinacci si impilano all’interno dei cassetti. Questo metodo va bene, ma ha degli svantaggi.

Infatti, capita spesso che per prendere uno strofinaccio si tiri insieme a questo un altro che non vi serve e che per pigrizia non ripiegate e lasciate disordinato nel cassetto.

Inoltre, questa organizzazione non favorisce la rotazione tra i panni da cucina. Fateci caso: se i vostri strofinacci sono impilati, tendete a utilizzare sempre gli stessi.

Questo perché vengono riposti in cima alla pila quelli che si usano e si lavano più spesso.

Ma se trovate che per voi questo metodo sia più pratico e veloce, va bene usarlo, ma con degli accorgimenti.

Se il vostro cassetto è molto grande e può accogliere diverse pile, allora utilizzate dei divisori.

In questo modo impedirete agli strofinacci di cadere l’uno sull’altro andando a creare il disordine che si vuole evitare.

Poi, quando li disponete nel cassetto, cercate di piegarli in maniera simmetrica, tutti nello stesso verso e allo stesso modo, così che abbiano la stessa dimensione.

E se vi capita di tirarne insieme due, non siate pigri: quello che non vi serve riponetelo piegato e ordinato nel cassetto.

Piegare a rotolo

Potete anche disporre gli strofinacci nel cassetto arrotolati. Questo metodo ve li farà tenere sempre tutti a vista e vi permetterà di scegliere quello che volete, oltre a creare un effetto estetico molto carino all’interno del cassetto.

Ecco come:

  1. Piegate lo strofinaccio a metà, facendo combaciare il lato corto del rettangolo con l’altro lato corto;
  2. Piegate ancora a metà, questa volta partendo dall’altro lato del panno, cioè il lato lungo che è ormai piegato a metà;
  3. Iniziate ad arrotolare dal lato corto, partendo da dove sono le cuciture, fino a formare un rotolo.

A questo punto, non vi resta che disporre i vostri strofinacci nel cassetto.

Se volete un ordine ancora più rigoroso, esistono in commercio dei divisori adattabili. Potete ritagliare con quelli una forma adatta al vostro strofinaccio e riporlo lì ogni volta.

Piegare a tasca

Il metodo della piega a tasca porta via un po’ di tempo in più nella fase della piegatura se non siete pratici, ma vi garantisce un ordine più duraturo. Ma non temete, con un po’ di esercizio sarà facilissimo e velocissimo anche per voi.

Ecco come fare:

  1. Stendete il panno in orizzontale su un ripiano;
  2. Portate l’estremità sinistra del lato corto al centro del panno;
  3. Ricoprite la piega che avete appena formato portandoci sopra l’estremità destra del panno;
  4. Piegate fino a metà l’estremità superiore;
  5. Inserite nell’apertura dell’estremità superiore, che fungerà da tasca, quella inferiore.

Ed ecco fatto!

Con questo metodo potrete disporre gli strofinacci sia impilandoli che in verticale. In tal caso, è consigliabile utilizzare dei divisori per garantire che si mantengano in piedi, ma non è strettamente necessario.

Infatti potete appoggiarli l’uno all’altro per fermarli e andrà bene lo stesso.

Lo svantaggio però, anche in questo caso, è che poi tenderete a usare sempre gli stessi, perché sarete spinti a prendere quelli che si trovano più avanti per non far crollare la fila.

Provatele tutte, sperimentate il metodo che si adatta di più alle vostre esigenze e, se volete, ogni tanto cambiate!

L’importante è aprire i cassetti e trovare il vostro amato e rigoroso ordine.

Ada Legnante
Ada Legnante
Nata a Napoli, amo leggere, viaggiare e le lunghe passeggiate. Ma non posso fare nessuna di queste cose se prima non mi organizzo e metto tutto in ordine.